20ma Granfondo Internazionale Diavolo in Versilia 2016 – 1mo Memorial Elisa Pezzini

Sono stati oltre 2100 i granfondisti che hanno animato il lungomare di Lido di Camaiore domenica 20 Marzo, assaporando il primo caldo primaverile. Tra di loro molti illustri ospiti d’onore

Testo di Leonardo Olmi, foto di Leonardo Olmi e Foto-Castagnoli

 

P1030325 copia

Quella della Versilia è sicuramente una delle più conosciute ed apprezzate granfondo toscane e italiane, nata dall’unione tra due famose granfondo entrambe della provincia di Lucca: la GF della Versilia e la GF del Diavolo. La GF della Versilia nacque nel ‘97 dalla Croce Verde di Lido di Camaiore con lo scopo di raccogliere fondi per l’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer A.I.M.A. Versilia. Partita come una pedalata a scopo benefico, la manifestazione ha visto crescere il numero dei suoi partecipanti ogni anno, consentendo ad A.I.M.A. di raggiungere molti obiettivi. Nel 2010 è nata una collaborazione con la GF del Diavolo, che fino al 2009 aveva organizzato la manifestazione omonima di Borgo a Mozzano (LU). Le due granfondo si sono anche poste l’obiettivo di aiutare una comunità del Ruanda, dove il compianto Dr. Piero Baldera prestava opera di volontariato sia medico che organizzativo.

Nel 2015, per la prima volta la location cambiava, passando dal Viale Belluomini di fronte al Principe di Piemonte di Viareggio al Viale Bernardini con alle spalle lo stupendo Park Hotel Villa Ariston di Lido di Camaiore, pur rimanendo sempre sotto l’organizzazione della ASD GranFondo della Versilia Ciclismo e Solidarietà. Importanti e fondamentali anche il supporto ed il contributo forniti dalla Cicli Franceschi di Lucca, nella persona di Luca Franceschi e della figlia Pilar, uno tra i più importanti negozi di biciclette della Lucchesia e della Toscana.

Nonostante la granfondo sia entrata a far parte del neo nato circuito Coppa Toscana On The Road anticipandola a marzo anziché (come di consueto) ad aprile, il tempo si è dimostrato clemente, consentendo al lungo plotone di oltre duemila ciclisti di pedalare questa ventesima edizione con condizioni meteo ottimali. Un bel sole primaverile è infatti spuntato proprio pochi minuti prima della partenza, regalando un bel weekend di festa ai ciclisti e ai loro accompagnatori.

 

Il pubblico è stato, come al solito, numeroso sia nella nuova zona di partenza e arrivo (posta sul bellissimo lungomare di Lido di Camaiore) che lungo i due percorsi: un Classic di 103 chilometri per 1658 metri di dislivello ed un lungo denominato Marathon di 124 chilometri per 2348 metri di dislivello.

P1030464 copia

Molto gradito anche il pacco gara dove per gli iscritti alla granfondo era possibile trovare una t-shirt in cotone commemorativa. Speaker d’eccezione per questa, come le più recenti edizioni della granfondo, un brillante Paolo Mei che ha dato alla manifestazione della Versilia un atmosfera da Giro d’Italia, molto apprezzata sia dai partecipanti che dal pubblico.

Tra gli ospiti d’onore che hanno preso il via alla partenza vi erano, come di consueto, anche personaggi illustri: da un affezionato amico della GF Diavolo in Versilia, il Dott. Roberto Sgalla (Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato) accompagnato come sempre dal suo fedele scudiero Stefano Pezzini del Team Bike Jo.ER., a cui si era aggregato anche Matteo Piantedosi (Vicedirettore Generale della Polizia di Stato preposto all’attività di coordinamento e pianificazione).

P1030317 copia

 

Presenti nel parterre de rois della griglia d’onore anche l’ex Pro Alessandro Petacchi e gli attuali professionisti del Team Cannondale Alberto Bettiol e Alan Marangoni, quest’ultimo reduce da una faticosa Milano-Sanremo del giorno prima, accompagnato dalla fidanzata anch’essa in sella. Tra i personaggi dello sport anche il Re degli anelli Jury Chechi e Kevin Ceccon, giovane pilota italiano della GP2.

Al sabato, la nuova zona Expo allestita all’interno dell’ampia corsia parallela al Viale Bernardini ha riscosso grande successo grazie ai suoi tanti espositori ed eventi, tra cui quello del percorso ciclabile, che simulava l’ambiente urbano con situazioni critiche reali, a cui hanno partecipato i bambini delle scuole elementari per insegnare loro a rispettare le regole e ad adottare comportamenti corretti e sicuri. Tra i tanti eventi ricordiamo anche la proiezione de “Il sogno paralimpico di Brent Winters”, seguito da uno stage informativo sulla guida di scooter e bici, curato dai rappresentanti della Polizia di Stato e rivolto alle classi prime del liceo scientifico Barsanti e Matteucci di Viareggio. Da ricordare anche la presenza del Pullman Azzurro della Polizia di Stato e l’esibizione delle ragazze del Centro Studi Danza di Viareggio e a seguire la performance a cura di Egg Magazine.

La partenza della granfondo era fissata per le 9.30 in punto, orario in cui l’Assessore al Turismo del Comune di Camaiore, Carlo Alberto Carrai, ha dato il via alla manifestazione. I 2100 partenti (mentre gli iscritti erano oltre 2400, contro i circa 1700 del 2015) si sono dati battaglia fin da subito su entrambi i percorsi, Classic e Marathon. Il primo a transitare in solitaria a mani alzate sulla linea d’arrivo del percorso Classic è stato Fabio Cini (Genetik Cycling Team). Arrivo allo sprint per completare il podio dove a spuntarla è stato Giacomo Sansoni (Asd Sansoni Team) sul corridore di casa Eduard Kivishev (Velo Club Maggi 1906). Il Classic al femminile è invece stato vinto da Elena Cairo della Roma Ciclismo, seguita da Debora Morri del Team del Capitano. Mentre sul terzo scalino, a poco meno di un minuto dalla prima, è invece salita Manuela Lazzerini, sempre del Roma Ciclismo.

ft00000503_4 bis copia

Tutta un’altra storia sul percorso Marathon, meno duro rispetto alla passata edizione, ma sempre molto impegnativo, dove se la sono giocata in volata l’ex pro Michele Scotto d’Abusco (Cycling Team Terenzi) che ha avuto la meglio su uno straordinario Krys Hubert Jacek de La Bagarre-Ciclistica Lucchese, praticamente la squadra di casa. A completare il podio è arrivato, a meno di un minuto, Federico Pozzetto del Team Bike Racing. La seconda piazza di Krys Hubert, che gli ha fatto perdere il podio solo allo sprint finale, ha lasciato un po’ amareggiato il suo compagno di squadra Stefano Cecchini che, come in altre granfondo, aveva lavorato per lui fin dall’inizio.

Tra le donne, la prima a tagliare il traguardo è stata Simona Parente della Somec-Mg.k Vis-Lgl, che ha staccato di circa otto minuti la compagna di squadra Odette Bertolini, terza Patrizia Piancastelli del Ktm Asd Scatenati. Nella classifica dei Top Team troviamo al primo posto il Team Pinarello.

Per quanto riguarda il Memorial Elisa Pezzini è stato assegnato alla campionessa italiana donne junior di ciclocross Francesca Baroni, mentre un riconoscimento è andato anche a Marco Piagentini, sopravvissuto all’incidente ferroviario verificatosi nel 2009 a Viareggio.

P1030330 copia

 

E’ inoltre stata premiata anche Sara Rocca con un riconoscimento per meriti sportivi nella ginnastica ritmica, in quanto campionessa italiana di categoria. Mentre il premio speciale Aurora Francesconi per Elisa è andato a Odette Bertolin del Somec-Mg.K Vis–Lgl, come l’atleta più giovane che ha impiegato meno tempo a coprire il percorso lungo.

Il comitato organizzatore, sotto l’ottima regia di Pier Luigi Del Pistoia e Silvia Sarappa, con a fianco centinaia di volontari, è riuscito come sempre a mandare in scena un evento diretto in maniera egregia che conferma quella della Versilia come una fra le prove più apprezzate della primavera granfondistica italiana. L’ASD Ciclismo e Solidarietà ha dimostrato ancora una volta di saper allestire un evento di alto livello e pensa già all’edizione del prossimo anno, sperando che tante biciclette tornino a sfilare anche nel 2017 percorrendo le strade e i percorsi di questa stupenda gara alle porte del mare dell’alta Toscana. Oltre alla Coppa Toscana On The Road (come citato in apertura), la 20ma edizione della GF Diavolo in Versilia era anche valida come seconda prova del Prestigio 2016, seconda prova del Giro delle Regioni 2016 e parte del circuito Assi delle Granfondo 2016.

Il servizio fotografico della gara di Lido di Camaiore e quindi le foto che ritraggono i ciclisti lungo il percorso, sono facilmente rintracciabili tramite il pettorale e quindi acquistabili sul portale di Foto Castagnoli (www.fotocastagnoli.net), nota agenzia molto apprezzata dagli atleti per la sua professionalità e qualità delle immagini. Mentre le riprese televisive sono state curate da Bike Channel e la sua squadra di professionisti, ormai specializzati da anni nel settore del ciclismo a tutti i livelli.

Classifiche:

www.mysdam.net

Sito della granfondo:

www.granfondoversilia.it

Servizio fotografico:

www.fotocastagnoli.net

Foto Gallery:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...