Sole e divertimento alla 3à ed. del Cross Triathlon di Greve in Chianti (Firenze).

Domenica 8 aprile oltre 90 triatleti si sono sfidati sui 400 metri di nuoto indoor in piscina, lungo i 14 km di mountainbike ed i 4,8 km di corsa trial sulle colline che circondano il paese di Greve in Chianti in provincia di Firenze.

Testo di Leonardo Olmi, foto di Leonardo Olmi e Organizzazione.

Dopo le bellissime esperienze fatte durante le prime due edizioni (2016-’17 dove avevo ottenuto dei buoni piazzamenti, 8° assoluto in entrambe), non potevo perdermi questa terza edizione del Cross Triathlon. Per cui già da dicembre ho cercato di prepararlo al meglio, cercando di migliorarmi nel nuoto, dove sono una vera frana, nonostante il mio passato da fotografo subacqueo. I motivi per cui, comunque, non potevo mancare erano tanti; primo tra tutti il fatto che si trovava a soli venti chilometri da casa mia, e secondo perché la mountainbike mi poteva dare qualche vantaggio sugli “avversari”, rispetto a corsa e nuoto, due specialità che pratico molto poco e solo nel periodo invernale, dato che poi mi dedico molto di più alla bici da strada. E poi perché Greve in Chianti è circondata da tracciati di trail-cross e mountainbike spettacolari in mezzo a colline, boschi, vigne, vecchi ruderi e antichi borghi e castelli. Sta di fatto che Csen e Firenze Triathlon, anche per il 2018 non potevano scegliere una location migliore per questa 3à edizione di un Cross Triathlon amatoriale che, ricordo, era aperto a tutti. Per far sì che la manifestazione riuscisse in pieno, da mesi il presidente dell’associazione F.T. Massimiliano Lenci insieme al vice presidente F.T Andrea Pucci e la presidente di Csen Toscana Paola Romanini, hanno lavorato alla realizzazione dell’evento, creando sinergia con il Comune di Greve in Chianti, con Marco Ramuzzi (triatleta dell’F.T. nonché titolare dell’omonimo negozio di bici situato proprio a Greve), con gli sponsor che hanno collaborato come Nencini Sport, Azienda Agricola Sugame, Mulino di Grace, Nutrilite, Paolo Benincasa, Tenute Santa Margherita, Ristorante Vitique e +Watt. Ma più che latro gli instancabili volontari e staff di Firenze Triathlon e Csen Firenze, il Motoclub “In moto si corre”, l’Associazione Volontariato Grevigiana, il Vespa Club Greve in Chianti e la Ciclistica Grevigiana. Da giornalista sportivo e praticante quale sono, che sarebbe stato un evento da non dimenticare destinato a proseguire e crescere nel corso degli anni, me ne accorsi subito fin dalla prima edizione quando, con Marco Ramuzzi, andammo a provare il percorso per produrre con le GoPro un video da caricare su You-Tube, in modo che tutti potessero assaporare un’anteprima di quella che sarebbe stata la grande festa di Greve in Chianti. Una festa che, come alla prima edizione, è stata baciata dal caldo e dal sole. La base logistica era, come sempre, il bellissimo prato verde delle Piscine di Greve in Chianti, dove si sono svolti ritiro numeri e pacco gara, zona cambio, pasta party finale, premiazioni ed ovviamente la prima fase di gara che riguardava, appunto, la parte dedicata ai 400 metri (16 vasche da 25m) di nuoto. Dato che la partenza era suddivisa in tre batterie ed ha avuto inizio alle 11,30 quando la temperatura dell’aria era comunque intorno ai 20°C, ha consentito ai più di nuotare con il body ed uscire al volo saltando sulla propria bici. Una volta usciti dalla zona cambio, ci si preparava ad affrontare i 14 km di mountainbike lungo un tracciato quasi del tutto sterrato che partiva subito in salita con pendenze fino al 23% per un dislivello totale di 480 metri. Spettacolare il passaggio intorno al Castello di Verrazzano e molto tecnica la discesa che riportava verso Greve. Poi via di nuovo alla zona cambio per posare la bici e calzare al volo le scarpe da corsa per affrontare l’ultima specialità di gara, la corsa a piedi.

Anche lì tutto un saliscendi per circa 5km con l’attraversamento (anzi il salto) di un fiumiciattolo, fino ad arrivare al borgo medievale di Montefioralle, con un passaggio su un lastricato di pietre sotto a due archi, per un dislivello di altri 180 metri.

Da qui giù in picchiata sull’asfalto fino alla meravigliosa Piazza Giacomo Matteotti di Greve in Chianti, quella che nel 2016 si colorò completamente di rosa per via del passaggio del Giro d’Italia. Oltre a parenti e amici, ad attenderci c’era anche un ricco ristoro ed un servizio di massaggi gratuito, prima di rifare tappa verso le piscine e quindi distesi sul prato per godendosi, oltre alla pasta, anche l’arista con patate arrosto accompagnate, ovviamente, da del buon vino rosso di Greve. Non mi resta che concludere dicendo che l’organizzazione di questo 3° Cross Triathlon ha funzionato alla perfezione. La soddisfazione e l’atteggiamento sportivo di tutti i partecipanti è stato motivo di vanto per tutto lo staff. Il clima di festa che si è respirato a fine gara, e quindi durante il pasta-party e prima delle premiazioni, ha confermato che quella di Greve è stata la realizzazione di una manifestazione che ha reso partecipe proprio tutti.

Non è un caso che nel palmares di gara erano previsti premi e coppe anche per il più giovane partecipante e il più anziano, oltre che per gli ultimi arrivati. A trionfare e festeggiare sul podio invece, sono stati gli atleti Patrizio Bartolini con 1:05’22.5, seguito da Alessio Lazzeri con 1:06’03.2 e Marco Cecchini con 1:10’03.8.

Tra le donne trionfo per Martina Mormorunni con 1:43’25.7, seguita da Michela Furi con 1:49’54.6 e Sara Finocchiaro con 1:51’29.3. A premiare immancabile come sempre il Sindaco Paolo Sottani. E come al solito la manifestazione è stata movimentata, minuto dopo minuto per oltre sei ore dalla voce della Speaker Veronica Bellandi Bulgari.

Personalmente, visto il poco tempo che dedico alla multi disciplina, il mio sesto posto assoluto ed il primo nella categoria M3 non mi può che rendermi soddisfatto. Ma più che altro l’importante è che mi sono veramente divertito ed ho potuto di nuovo apprezzare cosa voglia dire essere un triatleta.

Dopo il pieno successo di questa terza edizione del Cross Triathlon di Greve in Chianti, non ci resta che attendere la quarta ed iniziare fin da adesso ad allenarsi. Un consiglio che do è quello di provare anche agli amici ciclisti, e più che altro bikers, che con un po’ di allenamento nel nuoto e nella corsa a piedi possono tentare questa divertente esperienza.

Di seguito è possibile trovare le classifiche finali con tutti i tempi di ogni frazione:

Classifica finale assoluta

GALLERIA FOTOGRAFICA FB

CSEN Firenze

Firenze Triathlon

Officina Ramuzzi

Personalmente vorrei ringraziare:

Cicli Taddei
Per avermi messo a disposizione la Specialized Epic S-Works

Inkospor
Per l’integrazione alimentare

Skopre
Per avermi fornito le protesi Spirgrips-Mtb

Firenze Triathlon
Per avermi accolto nel loro gruppo

PhotoGallery

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...